Messaggio comboniano dal Forum Sociale Mondiale 2015

ESSERE PRIMAVERA NELLA CHIESA E NEL MONDO DI OGGI


Dopo due anni il Forum Sociale Mondiale (FSM) è tornato a Tunisi, in un contesto di crescente instabilità e violenza nei Paesi nordafricani e del Medio Oriente. Ha voluto essere un segno di pace e di speranza nel processo della primavera araba, minacciato dal terrorismo e dal rischio di essere snaturato dal fondamentalismo religioso e da governi repressivi. Ha dichiarato il ripudio di “ogni forma di terrorismo”, incluse l’arroganza del militarismo e la violenza sistematica di un’economia che uccide.
Il Forum ha trovato l’accoglienza riconoscente di un popolo in un processo di emancipazione che vede protagonisti i giovani e le donne.

La famiglia comboniana (Comboni Network1) è stata di nuovo presente, con una delle delegazioni più rappresentative ed internazionali: 37 membri, impegnati in 15 diversi Paesi.

In una cornice multiculturale di colori, ritmi e danze, i popoli magrebini sono stati i più presenti nella maggior parte dei dibattiti e delle manifestazioni. È cresciuta, rispetto a due anni fa, la partecipazione di altri Paesi africani, i cui rappresentanti in molti casi hanno riconosciuto e valorizzato le missionarie e i missionari comboniani. Il Forum rappresenta uno dei pochi spazi pubblici, a livello mondiale, in cui il sud del mondo può esprimersi liberamente.

Tra i circa 1500 workshops, i temi principali sono stati: la difesa dei diritti umani (specialmente delle donne, dei migranti e delle minoranze); la questione ambientale e climatica, che richiede anche un cambiamento degli stili di vita; le alternative al sistema egemonico neoliberista; la spiritualità e il dialogo interreligioso.

Come famiglia comboniana ci scopriamo in progressiva sintonia con l’impegno della società civile organizzata nelle diverse parti del mondo. Ciò è espressione del nostro continuo sforzo di attualizzare il Piano di Daniele Comboni, che sentivamo camminare con noi nelle diverse attività realizzate al Forum.

In questi 8 anni la presenza comboniana al FSM si è qualificata: abbiamo cominciato ad organizzare seminari e workshops ispirati alla nostra esperienza missionaria e stiamo progressivamente condividendo attività e percorsi più ampi, con i gruppi con cui lavoriamo in rete.

Lo stand allestito dalla famiglia comboniana è stato un importante strumento di animazione missionaria: nella pluralità di appartenenze e provenienze, testimoniamo l’impegno cristiano di cambiare insieme ciò che distrugge la vita.
Il ruolo dei laici è fondamentale: provoca i nostri Istituti ad aprirsi sempre più a forme di condivisione dell’impegno missionario con persone competenti e appassionate che allargano la nostra comprensione del mondo e ampliano le nostre reti di relazioni, garantendo continuità ai processi di evangelizzazione e trasformazione della realtà.


Esserci, come comboniani/e

Abbiamo partecipato al Forum con l’intenzione di fare eco nella fede ai processi di liberazione che ci è dato di accompagnare insieme alla società civile organizzata. Per questo ci siamo impegnati a riservare ogni giorno un tempo per il discernimento comunitario e la celebrazione.
Crediamo che missione è soprattutto condividere la mistica che alimenta le nostre azioni ed ispira una visione trasfigurata di “un mondo diverso e possibile”.

Ce lo siamo ripetuto celebrando nella cripta della Cattedrale di Tunisi, nel nascondimento della presenza cristiana dentro la cultura arabo-musulmana. Abbiamo iniziato insieme nel giorno della memoria del martirio di Óscar Romero e trent’anni dopo il martirio del nostro fratello Ezechiele Ramin, nella settimana che precede la Pasqua. Il seme che dà la vita per la vita del mondo è una bella immagine della nostra fragilità davanti a sfide così grandi, come pure della nostra speranza che è ancora possibile “fare primavera” insieme ai popoli che ci accolgono.

In continuità con il discernimento realizzato negli ultimi quattro Forum Comboniani, rilanciamo le dimensioni in cui siamo impegnati e che occorre sostenere e sviluppare:

  • la liberazione dalle schiavitù di oggi, specialmente quella della tratta degli esseri umani;
  • la mobilità umana e la difesa dei diritti dei migranti;
  • i cammini di riconciliazione e dialogo in Paesi segnati dalla guerra, con particolare attenzione al dialogo interreligioso e specificamente islamo-cristiano;
  • la difesa del creato e dei beni comuni in sinergia con le vittime dell’ingiustizia ambientale e rivedendo gli stili di vita delle nostre comunità e province.

Per essere efficaci in questi ambiti occorre sempre più creare reti a livello interprovinciale e continentale, accogliere laici e laiche competenti impegnati sugli stessi temi e collaborare con le organizzazioni, religiose e non, che lavorano a difesa della vita.

Chiamati a riconoscere i “nuovi areopaghi” della missione, ribadiamo l’importanza della presenza comboniana al Forum Sociale Mondiale, proponendola come una tappa fissa in cui verificare il senso e l’efficacia dei nostri cammini insieme all’umanità, pellegrina verso “nuovi cieli e una nuova terra”.


I partecipanti al Forum Sociale Mondiale e al Forum Comboniano 2015


Tunisi, 29 marzo 2015

 

1 Hanno partecipato al Forum Comboniano Missionari, Missionarie e Laici Missionari Comboniani, un vescovo emerito saveriano, due Missionarie Serve dello Spirito Santo, laici dal Brasile e dall’Uganda. Abbiamo realizzato i nostri workshops in collaborazione con diverse organizzazioni: Lavigerie Team (Tunisia), Francescani, CIDSE, Vivat International, Franciscans International, Solwodi (Germania), John Paul II Justice and Peace Centre (Uganda), Liberty Tree Foundation (USA).

Lascia un commento

Thanks to girl games and pafog. | Powered by WordPress | Designed by: Microsoft Project Server | Thanks to Business Email, SharePoint Hosting and Virtual Desktop
EmailEmail
PrintPrint